Libertà di pensiero è la "capacità di valersi del proprio intelletto senza la guida di un altro" (Immanuel Kant)

La tua opinione é importante, esprimila, lascia un commento ai post.

Prego gentilmente tutti quelli che postano la loro opinione scegliendo l'opzione 'Anonimo' di blogger di firmare il proprio commento. grazie. ros

Clicca per tornare nella Home

Clicca per tornare nella Home
di 'Per quel che mi riguarda'

sabato 4 luglio 2009

Viaggio di un clandestino di Massimo Imperato

Ho ancora un nome
su profonde acque scure.
Sobbalzo tra corpi stesi,
per niente offesi,
in una gabbia aperta,
liberi di non scappare.
Ho forse un nome,
nessuno lo pronuncia
mentre affondano grevi
pezzi di rinuncia,
senza più una valenza,
in cambio della speranza.
Ho perso anche il nome
in questo viaggio senza età.
Cerco improbabile nuova vita,
ho già distrutto la dignità.

'TERRA' di Mario Azad Donatiello

12 commenti:

  1. Cerco improbabile nuova vita,
    ho già distrutto la dignità.

    Quanto dolore in questi versi, perché credere che non possa esistere un mondo diverso, un mondo che sappia accogliere tutti gli esseri umani e trattarli con pari dignità e pari diritti.

    IO AGOGNO UN MONDO COSÌ! LO VOGLIO!

    Grazie Massimo per la tua poesia, quanto mai attuale.

    RispondiElimina
  2. Avevo già espresso il mio apprezzamento a Massimo la prima volta che ho letto questa poesia...intensa, struggente e ahimè attuale.... Sono contenta di vederla pubblicata qui sul blog della mia "sore-capo-comanda"!!!!

    p.s. ...ed io eseguo...commentato!!!!!

    p.p.s. un mondo di pari dignità e diritti non si otterrà mai "chiudendo" e alzando barricate...in un paese in cui non si investe sulla cultura, le speranze sono davvero vane...

    RispondiElimina
  3. .... è vero, nonostante una buona parte di benpensanti reclama un mondo con pari dignità tra tutti gli esseri umani, questo anelante desiderio non si trasforma mai in realtà. Troppo facile sarebbe dire , il mondo è stato e sempre sarà cosi, io credo che i limiti della nostra miseria umana, ci mettono nella condizione di "homo homini lupus" Ci può salvare la cultura, le arti, l'amore, la solidarietà,per cercare di cambiare qualcosa. Personalmente penso, che noi , civiltà latina, noi europei che stiamo bene rispetto certe realtà che ben conosciamo, dobbiamo aiutare chi sta peggio d noi e non ha niente, perchè è nel nostro interesse. Se ci chiudiamo nel nostro egoismo, state certi, questi un giorno verranno con le armi a prendere quello che noi gli abbiamo negato. Meditiamo!!!!

    RispondiElimina
  4. poesia e canzone...la stessa violenza e la stessa speranza...ciao Ros...ciao Massimo...una poesia stupemda...comunque anche io sono clandestino...ciao

    RispondiElimina
  5. Qualche anno fa avevo preso l'abitudine di presentarmi alle prime classi dicendo: "sono un'extracomunitaria". I ragazzi mi guardavano attoniti, il colore della mia pelle era simile al loro e allora mille domande sulla mia provenienza, sul come e perché insegnassi nelle loro classi. Ancora più stupiti, mi chiedevano il perché della mia affermazione quando apprendevano che ero siciliana come loro. Nel corso dei nostri incontri imparavano a rispettare l'"altro" e ad apprezzare la ricchezza dell'incontro.
    Era una provocazione la mia. Quest'anno credo che non sarà così, mi sento veramente clandestina. Non riconosco nè accetto le leggi dello stato a cui appartengo. E credo sarà più difficile farlo comprendere ai miei giovani alunni.....quando non riesco a farmi capire da molti adulti.
    Complimenti al poeta e al cantautore!

    P.S.: se mi date il permesso, potrei usare i vostri testi per iniziare le mie lezioni.

    Buon week end a tutti voi!
    Un bacione, Ros <3

    RispondiElimina
  6. Maria, penso che condividere coi propri alunni questa poesia o questa canzone sia molto educativo. Un'insegnante che come te porta in classe determinati argomenti, senza nessuna retorica, é un'insegnate degna di questo nome. Parlo a nome degli autori che certamente saranno d'accordo con me, compartecipa pure sia la poesia che la canzone.
    Grazie e Bacio ricambiato.

    RispondiElimina
  7. Maria...per quanto riguarda la canzone se ti interessa...usala come meglio credi...sarei davvero felice...ciao

    RispondiElimina
  8. Massimo Imperato4 luglio 2009 15:39

    Se andiamo oltre tutte le considerazioni politiche etniche e sociali legate al tema dell'emigrazione clandestina, mettiamo a nudo il lato umano del fenomeno.
    Ho provato a calrmi nei panni dell'essere umano che per estrema ratio decide di affrontare la ben conosciuta incognita del viaggio della speranza. Ho sentito sulla mia pelle la disperazione unita alla determinata rassegnazione che provoca la distruzione del proprio passato.
    Sono proprio questi sfortunati protagonisti della moderna globalizzazione ad incarnare l'eroismo del vivere.

    RispondiElimina
  9. Per Maria:
    usa la mia poesia come meglio credi.

    RispondiElimina
  10. Tanti complimenti a Mario. Mi sono documentato ed ho apprezzato molto le sue opere inclusa la canzone di oggi. A te Mario il mio incoraggiamento a percorrere un sentiero non facile ma sicuramente di qualità.

    RispondiElimina
  11. Complimenti per la poesia e il video, davvero molto belli!

    Io mio auguro solo che le mie figlie possano trovare insegnati come Maria o Dania, che insegnino loro il rispetto per tutti... non ci credo molto ma conoscere gente che so ci crede davvero e non solo a parole mi dà una piccola speranza per il futuro.

    Ros un bacione grande grande e un buon fine settimana a tutti :-)

    RispondiElimina
  12. A tutti voi un ringraziamento speciale per i vostri commenti. Di immigrazione si potrebbe parlare fino a domani mattina e saremmo sempre all'inizio. La cosa che mi viene spontanea da dire é questa: nessuno lascia la propria casa con piacere, se lo fa ha dei motivi gravi, come la fame, la guerra, sfido chiunque a dire io muoio di fame oppure peggio ancora faccio morire di fame i miei figli senza fare nulla, é un discorso disumano.

    Un bacio speciale alle mie amiche Giada, Maria e alla mia Sore Dany. vvtb, grazie di cuore.

    RispondiElimina